Un errore da evitare nella conduzione di esperimenti grammaticali

Mi sono reso conto, conducendo un esperimento grammaticale sulla frase minima, che commetto spesso un errore che non voglio più ripetere. Lo scenario è questo: io presento un problema, anche scrivendo qualcosa alla lavagna, e invito tutti gli studenti a intervenire per fare delle proposte, formulare ipotesi, fare osservazioni. Dopo diversi tentativi andati a vuoto (si tratta di ipotesi che gli stessi alunni riescono facilmente a falsificare), ecco che, dal terzo o dal quarto banco (ad es.), arriva un’ipotesi che descrive perfettamente i dati: è la stessa ipotesi dei linguisti contemporanei. Sono felice, non resisto: dico subito che hanno ragione, che sono stati bravi. Tutti.

E invece no. Me ne sono reso conto parlando con un collega che mi chiedeva un giudizio sulla classe. Bravissimi, dico io, pensa che sono riusciti… un momento, DUE O TRE ragazzi sono riusciti a trovare una soluzione a un problema difficile in meno di un’ora, SOLO due o tre.

Continuando a riflettere, mi rendo conto anche del fatto che non ho spinto quei due o tre, né il resto della classe, a corroborare o a falsificare l’ipotesi, come faccio nella fase centrale dell’esperimento. Insomma, non posso essere sicuro nemmeno che gli “scopritori” siano ben coscienti di quello che hanno fatto, non posso essere sicuro che ci sia stato vero apprendimento. Di certo, ho impedito (certo, involontariamente) a tutti gli altri ragazzi di apprendere, di fare la loro personale scoperta. Perché, come ho già avuto modo di osservare in passato, solo chi scopre, solo chi fa da sé, solo chi riproduce autonomamente l’esperienza impara davvero.

Ecco, allora, cosa avrei dovuto fare: aspettare, evitare di intervenire, lasciare che anche l’ultima ipotesi venisse discussa come le altre, aspettare che tutti provassero da sé a corroborare/falsificare l’ipotesi. I ragazzi avrebbero discusso fra loro e sarebbero arrivati alla conclusione che l’ipotesi reggeva. E a me sarebbe rimasto solo da annuire.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: